07.07.2014


Pe. Rodolfo D'Agostino, missionário Rogacionista em Van Nuys, nos Estados Unidos, faleceu no dia 05 de julho de 2014, após um quadro de infecção hospitalar. Seu corpo será transportado a Messina, Itália, onde será sepultado. O religioso trabalhou também na Província São Lucas. Veja a carta do Pe. Vito Di Marzio, Superior da Delegação, escrita no dia 06 de julho: "P. Rodolfo, il 14 Maggio ha subito un intervento al ginocchio sinistro e tutto sembrava devolversi per il meglio, con la sola eccezione a differenza di una previa operazione al ginocchio destro, questa volta ha accusato continuamente dolori mentre la prima volta era andato tutto bene. Secondo il chirurgo era una cosa normale e doveva avere pazienza perche’ tutto si sarebbe risolto. Il tempo passava e non si vedeva un miglioramento sensibile fino al 19 Giugno quando e stato accompagnato a una visita al suo dottore curante. Durante questa visita ha cominciato a sentirsi male tanto che il dottore stesso ha chiamato l’autoambulanza che lo ha portato in ospedale per un ricovero urgente. Con il P. Antonio Fiorenza ci siamo recati subito all’ospedale e dall’emergenza hanno trasferito il P. Rodolfo in reparto per la cura del caso. Ci siamo salutati e siamo tornati a casa piu’ tranquilli. Durante la notte pero’ le cose si sono complicate tanto che il giorno dopo ci hanno chiamato perche’ il padre Rodolfo era stato trasferito nell’unita’ di cura intensiva. Ci siamo precipitati di nuovo in ospedale dove ci facevano intendere che tutto stava sotto controllo. Arriviamo cosi’ alla domenica di Corpus Domini, riceviamo una nuova chiamata dall’ospedale che ci annunciava che i dottori avevano deciso di intubare il Padre Rodolfo e procurargli un coma farmacologico per poterlo curare meglio. Il padre aveva infatti una infezione molto acuta e difficile da curare (C-Diff) per cui si era reso necessario questo procedimento. Da questo momento ci sono stati momenti di allarme, come quando ci dicevano che probabilmente sarebbe stato necessario la Dialisi, e momenti di speranza, quando ci dicevano che le funzioni vitali stavano sotto controllo; fino a venerdi sera quando sembrava che ci fosse stato il giro di boa verso il meglio. Non e’ stato cosi’ perche ieri mattina ci hanno chiamati dinuovo dicendoci che i medici avevano abbandonato qualsiasi speranza e che il P. Rodolfo viveva solo perche’ connesso con la macchina. Dopo aver pregato per lui con quelli presenti tra i quali il fratelli Sebastiano e il nipote Bartolo i medici hanno proceduto a disconnetterlo e dopo 5 minuti il P. Rodolfo spirava. La delegazione perde in padre Rodolfo un religioso che ha contribuito in maniera sostanziale allo sviluppo della circoscrizione in questa parte del mondo e che ha saputo esprimere specialmente con i centri di assistenza per i poveri, a Sanger con Fr. Hannibal House e il S.E.R.V. center in Van Nuys il carisma della carita’ di Sant’Annibale. Raccomandiamo P. Rodolfo ai suffragi di tutti i confratelli. In unione di preghiere. P. Vito Di Marzio rcj".








voltar






« anterior | próxima »







« anterior | próxima »







« anterior | próxima »